| Home | contatti | FAQ

 Share on Twitter Share on Facebook
Notizie :: Agosto 2016
REPRINTS 89a  

(REPRINT...Friday, 26 September 2008...10:29 01/09/2016)


CRIMES d'été: HEURES TRAGIQUES à ISTAMBUL!!!

Les gribouilles vicieuses ça prend pas de traînerie! Un tireur d'élite embusqué dans le décor -comme en le film "BLOW UP" de l'Antonioni...- tire une balle spéciale 007 sur le pneu avant-droite de la velomoteur McLaren de Lewis Hamilton et CHANGE l'HISTOIRE du TOUR DE FRANCE GP de F1/canalu internaziunalu! ET ça fait fort de la marde et ça merdouille, et certains pour sûr vont se manger le derrière de la tête!

¤¤¤de notre agent aux Amériques Voltinus Gerbiakov de "La Depêche de Midi-5" de Montréal aveque le soutien pissycholigique non-freudien(ne) de notre correspondant de guerre le Perfesseur BELTOCCHI¤¤¤

UN COMPLOT INTERNATIONAL fomenté par des obscures forces de la réaction anti-post moderniste serait à l'origine de ce crime "raciste" und xenophobe contre un coureur velocypede à la peau sombre und bronzée! MAIS d'autres sources "bien renseignées" parlent entre les moustaches d'un REGLEMENT DE COMPTES à l'OK CORRAL de deux GANGS de TOMBSTONE city, le "manufacturier" MICHELIN et le "sale" jap "BRIDGESTONE", auquel John Wayne n'aurait pas réglé son compte. SANS OUBLIER les commerages en les box des meccanos au sujet d'une lobby (POUR UNE FOIS non juive...) de TOREADORES ESPAGNOLOS de ANDALUSIA pro-Fernando Alonzo, qui aurait chargé ZORRO de lancer une pique de picador à l'arbalette pour défaire la couche routiere du pneu de L. Hamilton "à cause de son opposition versus les CORRIDAS et l'Ernest Hemingway, gran buveur de vin espagnolito und amateur de cigares AVANAs, de PIZZAs MARGUERITAs et des TOROs MIURAs".

"C'est ça. C'est le cas de figure que dans le métier nous appelons: LA VARIABLE John Fitzgerald Kennedy" -nous confient nos deux analistes, Carlo Alberto Dalla Chiesa et Ion Mihai Pacepa(1)-: SI KENNEDY eusse roulé sur velo à 4 roues de compéte du TOUR de FRANCE comme l'Hamilton, LES KILLERS n'auraient pas tiré pour lui exploser la cervelle mais le pneu. NORMAL. CAR c'est TELLEMENT plus discret et anonime et qui ne provoque guere trop d'EMOI à la TELE'. C'est PRO et de TOUT bénéf. Kennedy serait encore vivant s'il avait été coureur du TOUR, sans se faire enfirouaper par le sioux of Washington D.C. C.Q.F.D.: COMME QUOI: Hamilton ne connaît point sa chance, ça lui apprendra aussi à ne point passer le minot à la baguette, quoi! ET à l'être fin comme un merle car il tient du gripette dans le corps et qu'il evite de faire son fin tel ce DRING-DRING qu'est l'Alonzo. POURVU qu'il ne se fasse passer une épinette...

(Une enquête a été ouverte.)

(1) LES DEUX ANCIENS CHEFS de Service SECRET passés à l'OUEST-l'un de l'I.S. (SS du Vatican), l'autre du SS de Elena&Nicolae Ceaucescu- sont actuellement AGENTS sans provision et consultants de notre "CARNETdeROUTEduDESSINATEURassis"- et "roulent" aveque le perfesseur BELTOCCHI.

pieton445-copie-1

"Un camion ha perso una delle sue sei grosse ruote in autostrada. La ruota gommata ha preso solitaria la tangente sulla tangenziale. Sbucata fragorosa sui campi verdeggianti, la ruota ha riuscito l'impossibile: squartare una vacca che pascolava placida e tranquillozza E 33 mosconi-tafani volanti che la ripulivano dalle pulci." (Messaggio trovato in una bottiglia)

(16:58 02/09/2016) PER RAGIONI VARIE, i tagli sono inevitabili. (poiché uno scritto è SCRITTO VERAMENTE solo quando viene pubblicato o trasmesso..."J'écris, je dessine, je tâche de le faire au MIEUX...ET pour quelles raisons? JE NE SAIS PAS: je ne suis pas un carriériste...[ C'EST MA FAUTE MORTELLE...]"- "NON AMO I TESTI CHE ROMPONO LE REDINI o sradicano le ancore (CELINE), tranne quando. QUANDO...)

(UN UOMO (DONNA?) che non abbia una profondità: NON E' NIENTE. UNO SPETTRO di se' stesso:una "merda", vedi:XXXXX. Questi spettri, non avendo profondità né qualità umana, sono gli automi dell'IDEOLOGIA, quasi TUTTI. Vedi: i MUSULMANIA). (...)

...Ma recupero questo passaggio "saltato" da "Ô VIVIANNA..." (vedi subito sotto P.89). Le cose buttate fanno sempre "male", poi si fa una cernita. On re-fait sa propre poubelle... Ô MON dieu!!!:

"...Più che una relazione amorosa, una fusione, incandescente, esplosiva. Eravamo entrambi PESCI, e non parlo dell'oroscopo..., ma dei caratteri innati, troppo simili per non entrarsi uno nell'altro, compenetrarsi, osmosizzarsi. MA portati -proprio per questo- a divergere facilmente: le liti, le discussioni acerbe, le rotture temporanee ed illusorie furono tante: adeso le rivedo DIVERTITO, MA...

[...eravamo tutt'e due gelosi "come delle belve"...]

...Con LEI ho provato per le prime volte quel che banalmente si puo' chiamare TELEPATIA d'OSMOSI. Una sera l'ho SENTITA, l'ho sentita che LEI era LA', in un posto "sconosciuto" da me, ad una decina di chilometri da Giussana, da amici ed amiche. Ci sono andato, senza sapere "dove", l'auto ( la NOSTRA Giulietta Sprint, Alfa Romeo, "La MICIONA", la nostra "camera da letto") si guidava quasi da sola. LEI era là, mi accolse teneramente, mi ha accolto senza stupore, COME SE SAPESSE CHE STAVO ARRIVANDO. "Stupefacente", visto da ALTROVE...

[PUR SE sarebbe FUORI TESTO: ripenso ad una notte tarda, fine anni '80. Mi risveglio, con una sensaziona PRECISA, mi alzo, giro per la camera incerto, mi sposto sul cucinotto, mangio dei resti di pollo freddo, tranquillo. "KESKECE'? Où vas-tu? T'as eu un cauchemar?!" mi chiede xxxxx svegliatasi essa pure. "NON. Ma mère EST MORTE." Tranquillo. Sans état d'âme. E FU COSI': la mia mamma s'era spenta "nel sonno", serenamente penso e spero, una venetta esplosa nel cervello, in quegli stessi momenti: aveva 86 anni. Da Parigi a GIUSSANA al Tagliamento, quanti "chilometri"?" IL TEMPO E LO SPAZIO non esistono (...se io non li faccio...). Il MIO Dio è più forte di loro. E, io, PURE. QU'ON SE LE DISE...

Didascalia tipografica "saltata" da sotto il CARTOON-B.D. "Niente e cosi' sia", qui sotto, in P89 (un oubli...una svista...scannerizzato, non avevo più l'originale sottomano, mauvaise organisation... quoi! AH! les allemands! les japs! les amerloques!...pas le italiens...ILS ONT PERDU LA GUERRE...): (DOVRO' organizzarmi meglio, per divenire europeo...):

"Non era, a vero dire, MAI successo prima VERAMENTE: fu ALLORA che tutti i significati subirono una perdita di SENSO repentina. E duratura." PROSIT...


Autore : Maximilian Capa
Share Stampa
3/09/2016 - 09:29
Castelli in aria, ma non di carta (89)  

IL PEDONE otto-NOVE (89)


Précis de récupération...

(13:58 31/08/2016) Je me trouve de passage à Vincennes, pour des petites raisons mais inevitables. Mes tâches terminées, je me promene un peu, la ville ça m'a toujours plu, bien faite, propre, bourgeoise, fleurie, c'est le printemps, il fait chaud mais agreable, chaud tout de même: j'entre dans un bar-tabacs pour me "désaltérer" un peu (comme qu'on dit), je commande un DEMI(bière) (je préfére le vin, mais je ne le bois que chez moi), je me déplace pour faire un peu d'eau, du vit fait, un pissou. Ressortant des toilettes, je remarque un africain tout concentré à faire la corbeille-poubelle du bar, courbé, le bras dedans à fouiller, dans un coin. Cela m'etonne un peu, curieux, car je ne comprends pas. La patronne derrière le banc jete un coup d'oeil elle aussi, allure désinteressée, elle ne dit rien.

Un autre noir se pointe -pendant que je lape mon lait amer- : les deux se mettent à discuter à mi-voix. L'un est plutôt en colère, l'autre moins. Après des longues palabres chaudes, le nouveau venu s'en va, l'autre persiste en son office. Après cinq minutes il sort lui aussi. Je regarde la patronne interrogatif. Elle rince ses verres et sourit. Se tait. Alors, bien intrigué, je lui pose carrement la question. Elle me semble réticente, pendant un instant.

"Que est-ce qu'ils font? Ils récupérent les tickets grattés des JEUX-A-GRATTER, voilà. Tous les deux. Une fois sur le midi...une fois le soir. VOILA'. Là il se sont croisés..." "MAIS, c'est POURQUOI? Ils en font collection?...comprends pas..." "MAIS NON! ils les grattent encore pour voir s'il n'y a pas un gagnant oublié par mes clients..." Je reste éberlué. Apercevant cela la patronne rit sous cape, amusée: "...Ils font le tour de tous les endroits à Vincennes où il y a les JEUX-A-GRATTER..." "MAIS c'est débile... incroyable... TOUT ce ramdam pour rien, je presume. Avec un espoir tout le temps deçu!" "NON, non. Vous-vous trompez: ils trouvent souvent quelque chose. C'est que...les clients presque tous grattent vite, pressés, ou pas toutes les cases...S'ils ne trouvent rien tout d'suite jetent le ticket...Je sais qu'un jour un des deux noirs a découvert un gain de 120 euros...120 euros. C'est que les noirs sont très patients...ils ont de la patience...LES NOIRS..."

[Resto a bocca aperta -come si dice nei buoni ambienti-, incredulo. Mi pare -da lontano- la Roma dopoguerra di TOTO'...non so perché...]

cartoon nuovo87
pedo89

"Ô, VIVIANNA..."

"Divano a fuoco, muore asfissiata dal fumo

(di Corrado Barbacini) Soffocata dal fumo del divano in fiamme. È morta così ieri mattina Vivianna Pezzani, nata 65 anni fa a Cervignano, fisioterapista. Il suo corpo è stato trovato dai vigili del fuoco e dai sanitari del 118 riverso sul pavimento della cucina, vicino al lavandino dell'appartamento all'ultimo piano dello stabile Ater di via Biasoletto 26. Si era gettata lì in un disperato - quanto inutile - tentativo di salvarsi. Si è praticamente buttata contro il lavello e poi ha aperto l'acqua sperando che, in qualche modo, l'effetto nella gola dell'aria irrespirabile si potesse placare. Ma non ce l'ha fatta. È rovinata sulle piastrelle. Senza vita. Asfissiata, come poi, ha spiegato il medico legale Fulvio Costantinides. Che ha attribuito il decesso a un arresto cardiaco causato dall'asfissia da monossido di carbonio. Cosa sia successo ieri mattina attorno alle 9.30 lo hanno ricostruito gli agenti della Volante giunti in via Biasoletto assieme a due "partenze" dei vigili del fuoco. La donna si era accomodata sul divano posizionato in cucina a un paio di metri dai mobili e dal lavello. Si era accesa una sigaretta, una delle tante a giudicare dai mozziconi trovati nel vicino posacenere, e poi si è appisolata. La sigaretta accesa è cascata sulla tappezzeria grigia del divano e in pochi minuti ha intaccato la sottostante gommapiuma che si è incendiata producendo una grande quantità di monossido di carbonio. Ma anziché tentare di aprire la finestra, Vivianna Pezzani, a causa del fumo che le impediva di vedere e pensando che l'acqua del rubinetto potesse dare sollievo all'arsura che aveva in gola, è appunto andata verso il lavandino. Ma l'aria in pochi minuti è diventata irrespirabile. (...) Poi è salito fino al piano di sopra dove abitava Vivianna Pezzani e ha capito che il fumo acre e denso veniva fuori da sotto la porta di quell'appartamento. (...) Due squadre dei pompieri sono giunte dopo pochi minuti. È arrivata - dopo aver percorso le strade strette che portano in via Biasoletto - anche l'autoscala. (...) Morta soffocata dal monossido di carbonio provocato dalla combustione lenta e inesorabile della gommapiuma e del rivestimento del divano. Gli agenti hanno interrogato i vicini. E molti hanno riferito che spesso vedevano la signora Pezzani con la sigaretta in bocca. Non si staccava mai da quell'abitudine, da quel vizio. Sul posto, in via Biasoletto 26, sono arrivati anche i poliziotti della Scientifica che hanno effettuato un lungo e articolato sopralluogo nella casa. In una stanza c'era il lettino utilizzato per le sedute di fisioterapia. Appeso al muro il diploma incorniciato. ©RIPRODUZIONE RISERVATA (05 maggio 2013 TRIESTE, "IL PICCOLO", sez.")

(14:12 31/08/2016) [Questa "cronaca nera" tragica non sarebbe che d'una normale prassi giornalistica, SE non si trovasse -guarda l'amaro caso della vita- che VIVIANNA sia stata il vero grande immenso amore della mia giovinezza, durante vari anni era stata TUTTO per me ed io pure son stato TUTTO per lei. Ci sono cose indicibili, che non si puo' tentar d'osar esprimere. Ogni amore VERO è carnale e violento. Con una tensione interna sul plesso solare che neppure il sonno attenua. (VIVIANNA, è stata una delle SETTE donne della mia povera VITA - CINQUE+DUE: IN VERITA' IN VERITA' VI DICO. E QUESTO NON SI CANCELLA. IN GENERE una relazione intensa dura TRE ANNI, lo so per esperienza: altra verità indicibile. MA ORA TUTTO CIO' E' FINITO. NELLA PACE dell'anima e dei sensi) (...)

"Voi due vi sentite "a sangue", l'ho capito. Io stesso ho avuto una storia cosi'... bisogna essere capaci di continuare a vivere, DOPO. Non ti sarà facile...tanto...storie cosi' non POSSONO DURARE...restano POI come ferite inguaribili. PER SEMPRE." Il tipo che mi diceva questo a Lignano, un fotografo per cui io facevo estivamente lo scattino di spiaggia e di Night Club, era qualcuno che io non consideravo molto, e mi sorprese l'acuità delle sue riflessioni, assai amichevoli, del resto. Non è per caso che questo mi sia rimasto impresso nella memoria: la memoria è straordinariamente selettiva: milioni di momenti affondano nel niente, ma altri ritornano a gala, senza neppure troppo cercarli. Come funzioni questo "meccanismo psichico" mi resta un mistero. Perchè quello e non mille altri? (...) Ma tralascio la sezione intima, che mi riguarda: vero è che ci sono cose indicibili, che restano nel silenzio dell'"archivio" emozionale, nella parte "viva" del tuo essere, dove scavare fa -talvolta- male. (...)

Poichè il soggetto di questo breve scritto e -quasi- altro: la sigaretta... Andiamo giù -se il mio dio me lo permette- nei lampi d'amore d'una macchina da cucire per una bicicletta rossa sopra un tavolo anatomico coperto di fiori: intendo parlare di lampi nella memoria. DOLOROSI. Nella sua ultima lettera, dopo la mia rottura, lei a Milano io a Venezia, persi sulla fine tragica degli anni '60, le poche righe che mi restano incise: " ...resterai sempre dentro di me, come scordare tutto quel c'è stato?, quelle serate e notti indescrivibili, in giro per il piacere d'essere in giro, tu che guidavi come un pazzo, io che fumavo una sigaretta dietro l'altra, parlando di tutto e di niente, totalmente bene insieme." LA SIGARETTA. (...)

Mi ricordo a lampi lancinanti le volte in cui prima di partire per un posto o l'altro la prendevo sotto casa (o ci si ritrovava da LUIGINO, "Ai Due Ponti") e si passava alla Stazione Ferroviaria di Latisana da dove io uscivo con il solito pacchetto di Marlboro (per lei) e/o IL MONDO o L'ESPRESSO (per me), che erano giornali decenti e leggibili, all'epoca. La sigaretta... Io non fumavo. Tranne nei locali di danza, dove -all'epoca- uno che non fumasse "era un po' finocchio". Altri tempi: SOLO IERI... (...)




riserva88

(maximilian CAPA nino armando CERETTI fecit IN ILLO TEMPORE 1716)

Autore : Maximilian Capa
Share Stampa
3/09/2016 - 09:19
REPRINTS 88b  

(REPRINT 88b: wednesday, 11 november 2009...88b: 21:01 24/08/2016)


CITAZIONI CITABILI: "GORBATCHEV a su éviter UN BAIN DE SANG"

"Alla vigilia della caduta del Muro, c'erano cinque persone a Mosca che prendevano le decisioni. Vi si trovava i rappresentanti di due tendenze all'opera intorno a Mikhail Gorbatchev: da un lato gli eredi di ANDROPOV, i quali volevano un certo numero di riforme in URSS MA evitando con cura la distruzione del sistema, tendenza incarnata dal capo del KGB Vladimir Kriutchkov ed il ministro della Difesa (?) Dimitri Yazov, dall'altro i miei amici politici dell'epoca: Alexandre Iakovlev -l'ideologo della perestroika- ed Eduard Chevarnadzé -il ministro degli Affari Esteri-, il quale propendeva nettamente per un'uscita NETTA e RADICALE dal socialismo [bolscevico, LENINOSTALINOFASCISTA, quello che i cani ignoranti mangiatélé chiamano ancora adesso"comunismo"NDR] e la dissoluzione del Sistema.

Gorbatchev , lui, giocava un ruolo d'arbitro. (...) Faceva un passo indietro per due passi avanti. Ed è cosi' che ha saputo evitare un bagno di sangue. Poiché i neostalinisti avevano previsto d'utilizzare la forza per arrestare la degradazione della situazione in RDT. Il numero di vittime necessario era stato cifrato ad un migliaio di morti [????]. I medici necessari previsti erano già stati avvertiti, tutto era pronto per accogliere i feriti, etc... MA IL VERDE NON E' MAI ARRIVATO. E questo ha permesso d'evitare una reazione a catena, un concatenarsi d'eventi incontrollabile, e senza dubbio UNA NUOVA GUERRA [mondiale]. (...)

ALTRI ELEMENTI, come la crisi economica terribile che regnava allora all'Est, hanno pure avuto la loro importanza decisiva.(...). In seguito, i riformatori sono stati superati dagli avvenimenti. Volevano far progredire la situazione, certo, MA tappa dopo tappa e non con precipitazione, mantenendone il controllo e nel quadro d'una negoziazione ben gestita [Berlino, aiuti finanziari, aperture commerciali, gas e petrolio siberiano, etc.]. Con "la gaffe" di Günter Schabowski, il portavoce del Comitato Centrale del SED, il quale ha annunciato inopinatamente e confusamente -alla fine d'una conferenza stampa improvvisata- la levata immediata delle restrizioni sui viaggi "all'estero" ["l'altra" Germania...], tutto si è imballato. (...) Senza "la gaffe" storica di Schabowski la caduta del Muro sarebbe stata negoziata in ben altri termini, e avrebbe potuto prendere MOLTO più TEMPO. Pur se questa ERA INELUTTABILE."

(Vladimir Fédorovski, allora consigliere diplomatico del Gorbatchev)

QUADRO7-reprint88b

(REPRINT 88b: Sunday, 5 September 2010...88b:15:34 26/08/2016)

[qui a fianco VLAD DRAKUL, tirato "in chiaro" da MAX CAPA)

LOS VAMPIROS sont A LA MODE... "SI MÊME LES BELGES..." VLAD L'EMPALEUR... Vlad DRACUL, VLAD TEPES (fils...), dit DRACULA, vöivode ...prince roumain... de Valachie, Transilvanye, etc.

"Le premier document attestant l'existence de Bucarest (Bucuresti, "la cité de la joie") date de 1459 (on suppose cependant que la ville existait déjà au siècle précédent). Ce n'est pas un inconnu qui produisit cet acte, mais celui qui régnait à l'epoque en Valachie, l'inévitable (sic!) Vlad l'Empaleur! Bucuresti...entre dans l'histoire sous le signe de DRACULA!" "Le couple DRACULA-Elena&NicolaeCeaucescu semble être un condensé du Panthéon roumain." "Vlad Tèpes l'Empaleur, dit Dracula, fils de Vlad Tépes Dracul, [DRAC, du tard latin DRACO -serpent, guivre, dragon- DIABLE, en roumain. Le DRAC c'est Satan -le Prince noir-. LA DRACU c'est la méchancheté des jours sanglants, voir: Malaparte, KAPUTT.]: le tableau qui le montre dans toute sa splendeur se trouve au château Ambras d'Innsbruck (où il est placé dans la galerie reservée aux monstres, au "loup-garou", etc.)." "Les Roumains sont divisés par rapport à ce mythe de DRACULA, qui les a un peu pris par surprise" (...70 ans après DRACULA THE VAMPIRE, Bram Stocker 1897, et TOUS ces films...)...

Vlad l'Empaleur a réussi, à son époque, même si ce fut par des moyens extrêmes, à assurer l'ordre et la justice. Plus personne n'osait voler en Valachie, plus personne n'osait commettre d'injustices sur autrui. [LE PAL...LE PAL...]... "Que ne reviens-tu, vieux Prince, L'EMPALEUR?": l'invocation, de la plume du poète Mihai Eminescu, est bien connue chez les Roumains..." "...D'autre part, le cruel prince a également été un courageux dèfenseur du pays face à l'invasion turque-maghrebos-afrikos-muslimos (MUSULMANIA). C'est donc cela son "vrai" portrait: le héros qui a lutté pour l'indépendance du pays et qui a assuré , à l'interieur, l'harmonie sociale. Le prince idéal! [Voir: Niccolo' Machiavelli, IL PRINCIPE, 1513]." ALTRO CHE "IL NOSTRO" DRACULA...

"Certes, ça reste quelque peu vrai que Vlad DraculA aimait parfois consommer son repas en picnic, la table rustique placée sur une colline, avec en PANORAMA des centaines d'empalés "juifs"-musulmans, sur des pieux bien ecolos und très ESPRIT DE FINESSE y acérés, taillés avec pointe bien subtile (à la Pascal-Voltaire), en des platanes BIO non O.G.M. de la Forêt Noire de Transylvanie. MAIS c'est aussi vrai qu'il respectait même les "nazi-fascistes" Afrikos&Musulmanos-"JUIFS", car sa nourriture était strictement CACHER-HALLAL . Et il respectait le RAMADAN en son ramdam, aussi, en ne mangeant que du porc maghrebos, tué CUL face à La MECCA, pour faire jeuner ses pechés Paulinos-christoïdes..."

[LUCIAN BOIA & M.C.]


Autore : Maximilian Capa
Share Stampa
26/08/2016 - 19:35
Inizio Precedente  [   1  2  3  4   ]  Seguente Fine

Traduzione Sito
Translate to English Translate to French Translate to German Translate into Dutch Translate to Swedish Translate to Japanese
Translate in Polish Translate to Danish Translate to Czech Translate to Portuguese Translate to Spanish Translate to Turkish
Mercato e Vendita

MERCATO nella FORESTA dei LEONI al BOSCO dei PASSERI SDENTATI: VENDITA ORIGINALI di MAX CAPA pubblicati su internet dal 2OO5 al 2O16.
***CARTOON o/e CARTOON B.D.: 150 euros, 130 euros se più di due.
***B.D. (fumetto) 250 euros
COME FUNZIONA:
***L'interessato -dopo aver guardato le 36 immagini del vendibile- inoltra la sua richiesta tramite MERCATO, (vedi menù QUI DI FIANCO...)
***"L'amministrazione", confermando che cio' che è richiesto si trova disponibile, invia pure notizia sul modo di pagamento
***Ricevuta la somma, si procede alla spedizione delle opere sotto plico ben cartonato...

Max Capa Image

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere informazioni sulle novità di questo sito.

Iscriviti
Cancella

  Iscritti : 9


New-CMS 2.9.6 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Admin
This page was created in 0.0966 seconds
Contenuto del div.