| Home | contatti | FAQ

 Share on Twitter Share on Facebook
Favole Grottesche

Mentre si fa sera...


Autore : max capa
Martedì, 10 Gennaio 2017 - 17:02

 

(segue da KROP 3, qui sotto)

Il bel destino tragico di KROP Dentechiaro, 4

Appollaiato su un ramo d'acacia congolese li' di fianco, mangiando delle zampette di calabrone sott'olio ed acetate au poivre de Cayenne, degustando lentamente dello champagne Veuve Cliquot importato recentemente dalla Francia metropolitana, via le sue colonie africane, la gazza nera Agente BK37OW12, -un gazzo piuttosto...- appena rientrato dall'Europa ("puzzava" ancora d'Eau de Cologne cinese... come James BOND...), Rara Avis Felix, aveva ascoltato e seguito pieno di spleen e noia i discorsi terra-terra (lui si trovava in alto sui sei metri...) con il disinteresse altezzoso tipico dei professionisti del suo mestiere, ma sotto-sotto attentamente. Ed era intervenuto a questo punto, "lupus in fabula" proprio, gracchiando spassionatamente che: "Lassù al Nord, oltre i nostri deserti rossi e gialli ocra foncé, e le jungle di Tarzan ed i mari blu marina: vini d'ogni sorta, bambinelli biondi, bimbette dagli occhioni manga, dollari, euros, svanziche e Ferrari Testa Rossa non aspettano altro che il furbetto disinibito e volonteroso e puro ladroncello "agnus dei" che volesse prenderli."

"Pur non essendo come voi Krop, piccolo, tendinoso e piumato come sono, ho pure mangiato una bambinotta a Trauss-Mont-Tal-Vench in Svizzera, con un vinello d'Alsace, un Gewürztraminer Blanc Tokay che non ti dico! per riportar qui prove sicure. Feci esperienza per ben spiare! E non ti favoleggio né ti conto... la delizzzzzia! La delizia!...E... tutto gratis, naturalmente... CHE quando sei dei KROP -o loro mandato- TUTTI ti mollano li' TUTTO, prima di scappar via a otto o dieci gambe... "per aver salva la pelle"..." E strideva coi suoi dentini, spostando le falci del becco nero a forbice orizzontalmente, per esprimere il souvenir di quel grande piacere svizzero, tentatore per l'anima debole ed incerta del Giovane Krop.

E concluse: che -grazie alla MONDIALISATION- il Nord -Lassù!- stava diventando un vero Paese di Cuccagna, come ne parlavano in tempi lontanissimi i magoni -i Tre Re Magi...-i Baracuda e le stregonesse Serpentesse Gialle, la vasta e grossa e insalubre PITONESSA prima fra tutte.. Che non sempre si facevano lautamente mantenere contando frottole. CHE. Talvolta erano la matrice, le madri, della verità. "E questo è certo!" Ed il vecchio Capo Krop Krop Krop assentiva nervoso ed entusiasta , cogli occhi fissi sul Krop il Giovane Dentechiaro. E faceva: "Waf! Waf!".

"Ô Krop il giovine dalla chiara dentiera!" inizio' aulico a declamare con voce retorica il vecchio bavoso, come se fosse Nerone recitando le sue poesie incomprese di fronte al vasto incendio di Roma: "Ô Dentechiaro! Tu sei il miglior pollastro fra di noi! Istruito! Intellettuale! Coltivato di cultura! I grandi del mondo nordico ti ascolteranno con il dovuto rispetto, attentamente! Ed esaudiranno senza colpo ferire i tuoi -e nostri- desideri! Ed -IN PIU'- sei un forzoso e nerboruto atleta, un tranquillo guerriero, meglio di Sansone e Maciste! I tuoi muscoli saldi ed energici fanno paura a tutti! I leoni, le tigri, i leopardi, le yene, i gattopardi, i serpenti boa di 333 spanne, il gatto e la volpe, Primo Carnera, i residui dinosauri australopitechi SCAPPANO di corsa e a tutte gambe quando sanno che tu ti trovi nei paraggi! Una calma ma terribile forza della natura, ô tu sei! E poi sei scopatore insigne, pure: tutti ancora ne parlano di quando onorasti ben dodici elefantesse nella brousse, tutte in fila indiana, impazienti, coi loro mariti che giravano intorno gelosissimi, ma impotenti! ETC. ETC. PER QUESTO ho pensato a te per una MISSIONE di Stato e di Nazione Krop d'altissimo livello!"

Frattanto, rane e rospacci del Servizio Schiavi Liberi vestiti di costume verdi e rossi avevano tirato fuori dai nascondigli lampade ad olio, a petrolio, stelle estive, fiaccole e torce e solerti candeloni ocra all'olio d'oliva senegalese, che illuminavano il luogo e gli alberi con luminosità non prive di charme e di poesia. Dal crepuscolo s'era uscita fuori la sera, intanto. "Sia la luce e la luce fu! "grido' burbero il Capo. E fece varie volte: "Waf! Waf!" per incoraggiare il Giovane Krop il Giovane. Forse... Come Sartre, il Dentechiaro era qualcuno che riusciva a pensare dei pensieri, quando il caso e la fortuna lo fornivano d'un forno di riscaldatura a giusta temperatura per i cibi cotti o precotti altrove. Come in quei momenti, la sua mente andava in giro con un fiammifero cerino non svedese davanti le pupille, per vederci chiaro. Se possibile.

Krop Dentechiaro aveva ben compreso dove tutto cio' andasse a parare, la proposta conseguente l'aveva vista arrivare, che colava come acqua sorgiva dal Khilimangiaro dalle candide nevi eterne: naturalmente acida, chiara e saporita. Ma inciampo' su qualche dubbio, perché era intelligente il nostro Giovane. E pensare ingenera vizi...impasse e questioni varie, i SE e Ma, gli AUT AUT filosofici, l'Etica e l'Estetica, la Voglia e la Paura, il Timore ed il Tremore. Il: "O LA VA O LA SPACCA!" unito al: "Prudente è il restare a letto". Come il Cesare davanti al Rubicone, il nostro Giovane ed ingenuo coccodrillo gustava gli acidi amari dell'Alea Jacta Est fra il possibile quotidiano e l'impossibile utopia dei cataloghi turistici propagandando il viaggio violento, il road movie, la fuga in avanti, La Marcia su Roma, lo sbudellar indigeni mal colonizzati, e il bazzicar parigini senza soldi per pagare.

"Gli è che sono an Amore, in questi momenti, quasi fidanzato... partire mi spezzerebbe il cuore e l'abbandonarla alla concorrenza in trepida attesa mi fa la gola secca ed amara...e diciamo pure...ch'ella scopa meglio che la precedente...e che..." Disse infine il giovane sciagurato. "PUFF!PUFF!WAFF!WAFF!" sbavacchio' padrone di sè e delle sette lune il vecchio Capo Krop Krop Krop, battendosi la pancia deliziosamente, pieno di sé e soddisfatto: "Una di persa, sei di trovate!" aggiunse, e continuo': "Nella mia lunga e fragorosa esistenza, credimi, sono andato in amore almeno tre volte durante le lune di primavera: e sono, allora, centinaia e centinaia che mi han riscaldato il cuore ed il pene. Adesso le ho tutte scordate! Non esistono. Neppure i giovani elefantini che inculavo: a migliaia! NON prendere il momento per il dopo. Dopo tutto scompare. Ascolta qui IL VECCHIO...e non dare importanza a queste robette sciocchezzuoleggianti, NEVVERO? Dai!!!" concluse alzando le zampone in aria, verso gli dei della notte. Ed emise un lungo e modulato peto.

Il Capo era soddisfatto di come il buio sottolineasse lo spazio luminoso ch'era il suo. Sapeva che il Giovane convinto lo aveva, e sottomesso ai suoi voleri e alla Ragion di Stato e gustava da uomo di potere queste fragili riluttanze. Comprensibili. Che del pepe afrodisiaco sul mangiare mangiato. Il Giovane Krop nel foro interno della sua anima era voglioso di partire e scoprire i Mondi Nuovi, alla Cristoforo Colombo. E, come Cesare, era BEN DECISO di GETTARE il PROPRIO ESSERE al di là del Rubicone, dei limiti del PRESENTE -che tutte le società, pur le migliori, finiscono per rendere quasi immangiabile la vita quotidiana nell'usura usuale dei giorni. Dunque, si rifiutava, d'essere e di apparire convinto, per goduria masochista, piacere del sentirsi importante e negare il cazzo-che-la-fanciulla-vuole, per sfizio postadolescentesenziale, e valli a capire QUESTI GIOVANI... Per questo (forse) tirava le cose in lungo, ma anche forse per un sottile piacere sadomasochista che è tipicissimo fra i coccodrilli. "Dammela! NO! Ti prego chiaramente! FORSE se... MA POI mi porti a mangiar la PIZZA Marguerite? SI', NO...Chissà. POI...si vede...MA: ma! Semmai chi sa come se...ETC." Cliente vinto e convinto -nel suo segreto petto- il Giovane e selvatico coccodrillo tirava le cose in lungo e in largo e menava il can per l'aia... Come un cliente vizioso che giochi al topo incerto col gatto negoziante.

(segue in KROP 5, qui sopra)


  Stampa
Share
 


Scrivi un commento

* Autore
* Indirizzo e-mail
Sito web
Avvisami via e-mail della presenza di nuovi commenti
Per verificare che sei un essere umano scegli : la mela

4
8
5
3
6
1
2
7
B U I url Smilies
Traduzione Sito
Translate to English Translate to French Translate to German Translate into Dutch Translate to Swedish Translate to Japanese
Translate in Polish Translate to Danish Translate to Czech Translate to Portuguese Translate to Spanish Translate to Turkish

Maximilian Capa - Favole Grottesche - La Cappuccetto rosso scomparsa 2016

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere informazioni sulle novità di questo sito.

Iscriviti
Cancella

  Iscritti : 0


New-CMS 2.9.6 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Admin
This page was created in 0.0559 seconds
Contenuto del div.