| Home | contatti | FAQ

 Share on Twitter Share on Facebook
Favole Grottesche

La notte dei coltelli insanguinati...


Autore : max capa
Martedì, 20 Dicembre 2016 - 13:03

 

(16:07 13/05/2011...11:53 20/12/2016)

¤¤¤ 5 ¤¤¤ Fatti di colui che voleva essere un tronco.

Appena uscito senza ulteriori grossi problemi, ma ancora vivente, dalla trattorietta toscana/pizza al trancio sita in Corso Como (che brevissimo...abbiate pazienza, se ve lo dico...che lo conosco bene... ci ho abitato... solo di ridicolissimi 300/400 metri, segato nel suo passato slancio urbanistico dalla Stazione Treno-Metro' Porta Garibaldi, che gli ci taglio' i coglioni -alla moderna- e le zampe e la gola, e lo rese larga viuzza, corta e CHIC), il noto Arnaldo Peleggrini fu Giuseppe, pantegano di Tradate e trinciatore di sigari quando gli capitava, (ma anche scassinatore&rapinatore di Uffici Postali, nei sui tempi morti...), pur avendo un pesante coltello da cucina conficcato sul gobbo, sorse un tronchesino dalle capaci tasche interne del suo giaccone e si mise a ripulirsi le unghie con cura, ritto pi bene che male (...e l'inverso pure...) sul marciapiede, perch questo gli facilitava la riflessione. Il pensare e ripensare e pensare ancora. E ne aveva bisogno... Si trovava sotto un lampione di villica illuminazione...

Ma i lampioni urbani (scarsi, per la buona reputazione d'una metropoli quale Milano...), le luminarie delle luci cittadine, poco gli consentivano, con il loro magro chiarore, di dedicarsi agevolmente a questa semplice operazione, ch'era pi filosofica che igienica. E non si scordi la nebbia densa o lo smog, LO SMOG che perdura nella notte buia milanese pure in pieno agosto (quel che non proprio vero, ma che fa un bel effetto...). Come rimettersi in sesto il morale? Il morale di ferro ma anche di ghisa: dopo la rabbia e la violenza e la vasta sanguinolesca azione egli aveva proprio bisogno di ritrovarsi, fissare l'asse del suo andare, sentirsi calmo e ben motivato nelle sue prossime motivazioni. Doveva decidere, nel suo scarso marxismo, se prendere verso Corso Garibaldi o, all'inverso, "scappare" cautamente in direzione della Stazione Porta Garibaldi (FFSS, Metro). O se non dovesse piuttosto recarsi docilmente in Via Paolo Sarpi, presso la sua vecchia mamma, che poteva apportargli ogni sorta di conforto materiale e immateriale. Sopratutto della comprensione. Certo. Certo che certi momenti dell'esistere non sono facili e troppo agri e duri da sostenere.

(Ma, procediamo, senza troppi inciampi...)

Avrebbe ben con piacere ingozzato un paio di bicchieri di lambrusco per far mandar gi, a spinta, la grossa trancia di pizza ingurgitata che gli stazionava nel perimetro dello stomaco, incollata caparbia su una parete digestiva qualsiasi del sacco gastrico-ulcerico, e la lama del coltellaccio, pur se mal non gli faceva, sul dosso gli pesava. Momento complesso, dunque.... Ma non temeva l'arrivo della Polizia, sirene urlanti ed Alice senza meraviglia, n altre -ulteriori- complicazioni. (Aveva ucciso tutti, nessuno escluso, nessuno ci restava per chiamare la Questura o i CC, dunque: niente rischio poliziesco, per il momento...). L'ora era ben tarda ed i marciapiedi quasi vuoti, qualche passante correva via culo stretto e fretta nelle gambe, per filare a letto o verso qualche incontro notturno vizioso, rare erano le automobili a quattro ruote motrici e le motorette, ma passo' un gruppetto di quattro ciclisti vocianti, parlando tra loro e pedalando come pazzi. Gesticolanti. Il Giro d'Italia era finito da poco e aveva lasciato un sacco di esaltati pedalatori in circolazione, dall'alba alle ventitr. La notte era piena, incinta nel suo pieno, come si dice, nel pieno della notte, pur se la notte non era ancora notte fonda. La notte era piena. Comunque. Il pantegano andava su e gi meditando acerbamente, ma con calma.

La filosofia non cosa da tutti. Solo quelli che son ben preparati, che han fatto la guerra (persa...) o la Resistenza partigiana in alto nei boschi montani, sanno prendere pel culo tranquillamente le cose, guardandole freddamente in faccia, nel saper guardarle dritte nel muso, girarle e rigirarle, per mostrare la loro impotenza, per sviscerarle. Solo i deboli d'emozioni son forti. Ma, anche i forti hanno i loro vizi di funzionamento...

L'Arnaldo guardo' un momento il sangue che gli sgocciolava lungo il dorso, che scendeva (chiss perch) lungo la zampa sinistra ed il pantalone , sullo stivaletto e fino a terra. Come mai sulla parte sinistra del suo corpazzo, poich il coltellaccio -fino a prova del contrario- era ben infisso piuttosto, dietro, verso la spalla di destra, il che - se gli aveva sbrindellato un polmone- almeno gli aveva risparmiato il cuore, meccanismo indispensabile? Misteri dell'idraulica sanguinolenta... Per osservare agevolmente questo fenomeno che non -lo si noti- di tutti i giorni, aveva egli divaricato le gambe e s'era un poco inclinato, per seguire il flusso artistico del suo proprio sangue che gli sgocciolava da dietro ma arrivava pure sul davanti. Ogni sorta di meditazioni trascendentali pareva eccitarlo a questo proposito. "Cazzo di budda... sangue di budda..."

Ch il fatto curioso, se mai ne aveste o (ne) abbiate goduto personalmente il frutto. Ch, questo dolce e tranquillo pisciarsi e fuoruscire del vostro sangue stesso, che stilla a gocce in fila indiana, che voi osservate vagamente stupiti, trovando che: "Non pensavo mai d'avere tutto questo tanto sangue dentro di me, minchia!", se un fatto naturalissimo dopo una squarciatura per arma bianca del vostro corpo, nondimeno non puo' che lasciarvi perplessi. L'Arnaldo Peleggrini scateno', docilmente, qualche demone dell'analogia. "Per divertirsi", vizio comune agli uomini di spirito, che siano pantegano o cani da pantera. Il soldato-militare-Milite Ignoto che ha il ventre aperto e "sgonfia", "vomita" dal buco, caga dallo squarcio gli intestini fuori, che egli tiene disperatamente colle mani, palme e dita -disperatamente aperte!- , a mantenere le budella "a portata di mano" ch, se cascano per terra, magari si rompono -fragili come il cristallo di Carrara- SPICCISTCSHIC-SPISSITCHAK!SWLOSH!, e tutta la merdaglia va fuori dalle trippe squinternate, SLASH! Persa la merda ed irrecuperabile. Curioso. Col "transit" del proprio culo tenuto in mano, tremebondamente.

Risolino amaro. Ma il pantegano non si trovava in questi estremi termini... MA, dei ventri squarciati egli ne aveva paura. (Aveva aperto la pizzaiola dalle tette alla figa, con una coltellata dall'alto in basso davvero insigne, degna di maestri d'armi ottomani, ma non aveva goduto il tempo di guardarne il viscerame svuotarsi al suolo, aveva altro da fare, che -se non voleva trovarsi morto- doveva menar di coltello da per tutto in giro). Ma: dei ventri squarciati il Peleggrini ne aveva -giustamente- schifo... La macelleria lo aveva sempre disgustato.

(segue in "Fatti di colui che voleva essere un tronco" 2, qui sopra)


  Stampa
Share
 


Scrivi un commento

* Autore
* Indirizzo e-mail
Sito web
Avvisami via e-mail della presenza di nuovi commenti
Per verificare che sei un essere umano scegli : l’arancia

6
5
4
8
3
1
7
2
B U I url Smilies
Traduzione Sito
Translate to English Translate to French Translate to German Translate into Dutch Translate to Swedish Translate to Japanese
Translate in Polish Translate to Danish Translate to Czech Translate to Portuguese Translate to Spanish Translate to Turkish

Maximilian Capa - Favole Grottesche - La Cappuccetto rosso scomparsa 2016

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere informazioni sulle novità di questo sito.

Iscriviti
Cancella

  Iscritti : 0


New-CMS 2.9.6 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Admin
This page was created in 0.0544 seconds
Contenuto del div.